Tutti conosciamo questo prezioso elettrodomestico che, già da moltissimo tempo, si utilizza in ambito casalingo per lavare i panni spirchi risparmiando tempo e fatica. I primi esemplari di lavatrice risalgono circa a metà del ‘700, e funzionavano attraverso un processo manuale. Oggi alcune di queste macchine hanno porte USB e schede Wi-Fi, ed è possibile tramite un applicazione del telefono, mettere in azione l’elettrodomestico quando non si è presenti in casa. Senza ombra di dubbio il progresso ha portato notevoli miglioramenti!

La lavatrice è costituita da un mobile in metallo, dal contenitore per i detersivi, dalle manopole o dal diplay digitale per la programmazione dei lavaggi, da un cestello più o meno capiente in base al modello, uno sportello (a volte provvisto di una particolare fessura che consente di inserire nuovi panni durante il lavaggio) e infine da tutti gli elementi interni che fanno funzionare e salvaguardano la macchina.

Qual è la miglior tipologia di lavatrice? 

Attualmente sul mercato vengono vendute due tipi di lavatrice elettriche:

  • La lavatrice a carica dall’alto, il cui sportello del cestello è situato sulla parte superiore del mobile. Tale modello solitamente è adatto a chi non ha uno spazio sufficiente in casa, perché dispone di dimensioni più piccole rispetto ad una lavabiancheria a carica frontale. La lavatrice a carico dall’alto ha una capacità ridotta di carico, da un minimo di 5 Kg ad un massimo di 8kg, infatti è consigliata ai nuclei familiari composti da non più di due persone. Dovendo aprirsi sulla parte superiore, la lavatrice non è incassabile nel mobilio. 
  • La lavatrice a carica anteriore, la quale ha uno sportello, solitamente tondo, posto sulla parte frontale della macchina. L’installazione di questo modello può essere definita “libera”, perchè il fatto che ogni lato sia sprovvisto di sportelli o cose simili, permette di sovrapporsi, sottoporsi o accostarsi ad altri mobili come l’asciugatrice, la dispensa o semplicemente al cesto per la biancheria sporca. La lavatrice a carico anteriore è adatta alle famiglie numerose avendo generalmente un’alta capacità di carico. 

Entrambi i modelli possono integrare porte USB e Wi-Fi, utili per i più moderni sistemi di domotica, volti a migliorare e a semplificare lo stile e la qualità di vita nella casa.  



I programmi e le funzioni della lavatrice

I programmi solitamente offerti da una lavatrice tradizionale sono molteplici, variano a seconda del modello e della marca. Analizziamo i più comuni:

  • Programma cotone è quello standard che lava gli indumenti a 60° C.
  • Programma lana è un ciclo di lavaggio molto delicato ed eseguito a freddo per non rendere il tessuto troppo duro e compatto.
  • Programma sintetici è un lavaggio dedicato esclusivamente a tessuti sintetici e sportivi.
  • Programma misti è un ciclo pensato per lavare insieme più tipi di tessuti.

Oltre a questi elencati, esistono altri programmi più o meno rilevanti, come ad esempio: il prelavaggio, l’ammollo, lo scarico e la centrifuga. Le funzioni di lavaggio vengono selezionate in base al programma desiderato, alcuni esempi possono essere:

  • Funzione antipiega è un opzione di lavaggio che consente di non sgualcire i tessuti per ottenere una stiratura più facile
  • Opzione antimacchia: potenzia il programma di lavaggio scelto, per eliminare in modo efficace le macchie più difficili. 
  • Regolazione della centrifuga è una funzione con la quale è possibile regolare la velocità della centrifuga o addirittura eliminarla del tutto. 

Alcuni consigli

La dimensione del cestello, e di conseguenza la quantità di vestiti che possono essere lavati contemporaneamente è un fattore molto importante relazionato alla dimensione della famiglia, ma non è l’unico che merita attenzione: anche i consumi e la rumorosità sono fattori che, in base al modello, possono fare davvero la differenza.